Rocca della Verruca

LOCALITA VISITATE:

Oratorio di Santa Croce in Castellare, Chiesa di San Michele alla Verruca, Rocca della Verruca.

Situata sul confine comunale di Caci e Vicopisano, si trova la Rocca della Verruca, posizionata su uno sperone roccioso simile all’omonima malattia. Partendo dai sentieri CAI “00” e “147” a San Giovanni alla Vena, attraverso un sentiero abbastanza impervio e in ripida salita, siamo saliti di circa 130 metri di dislivello in 1 km, assaporando il panorama della Val d’Arno e di Vicopisano con il suo castello, che cambiava continuamente durante la salita. Arrivati all’Oratorio di Santa Croce in Castellare, abbiamo ripreso fiato, godendoci il panorama a 180 gradi verso sud. Alla biforcazione dei sentieri, abbiamo girato a destra per il “147”, fino a ritrovare lo “00” che ci attendeva con forti salite per circa un km. Ogni tanto qualche ciclista ci sorpassava faticosamente a causa del terreno non troppo compatto. Il sentiero adesso diventa più pianeggiante in cresta al Sasso della Bella Rosa, fino al Prato a Ceccottino dove abbiamo lasciato riposare un componente della spedizione provato dalla forte salita. Abbiamo continuato per il sentiero “139” fino all’unico accesso antico alla Rocca della Verruca, teatro di battaglie tra Pisani e Fiorentini. Ai piedi del monte Verruca, il terreno è pieno di “pietre verrucane”. I gradoni costruiti per l’accesso alla fortezza sono ancora riconoscibili fino all’unica porta d’accesso; qui sembra che il tempo non sia trascorso: le mura sono abbastanza integre e la cappella è mancante solo del tetto. È possibile visitare anche alcune parti dei sotterranei molto suggestivi; serve una torcia per apprezzarne la costruzione. La parte Est della fortezza offre una vista panoramica spettacolare: da qui si può vedere il mare da Livorno alla Spezia, l’Isola di Gorgona, la città di Pisa con la veduta della Torre pendente e tutta la pianura intorno con la bella Certosa di Calci proprio ai nostri piedi. Ritorniamo sui nostri passi, anche se la discesa dei gradoni si presenta più ostica della salita. Dal Prato a Ceccottino, prendiamo il bel sentiero “143”, abbastanza facile e adatto anche a MTB, per seguire lo “00” questa volta sul monte Agreste, godendoci la vallata del Torrente Rio Grande con Vicopisano sullo sfondo come un quadro, e dalla parte sud tutto il Valdarno.

Un trekking ricco di panorami mozzafiato, per gli amanti del genere, in un ambiente molto vario di piante ed erbe spontanee.

TipologiaTrekking
Livello di difficoltaO O O O O
Km12,6
Dislivello + m700
ByFranco

Selezionare Dettagli per scaricare il file GPX

Dettagli
Traccia Rocca della Verruca
?
Esporta
Maggiori dettagli

FOTO TOUR

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.