Palaia San Vivaldo

LOCALITA VISITATE:

Tomba Etrusca (PI), Eremo d’Agliati (PI), Palaia (PI), Calanchi di Toiano (PI), Toiano (PI), Castelfalfi (FI), San Vivaldo (FI), Pieve di San Giovanni Battista (PI).

I Calanchi di Toiano mi affascinavano e di conseguenza li ho inseriti nel tour che partendo da Corazzano , in senso antiorario tramite qualche strada dissestata in salita siamo arrivati ad una tomba Etrusca un po modificata dall’uomo a scopo abitativo e qui ci siamo resi conto che la traccia da seguire si era lasciata 500 m prima, pertanto dietrofront e ci siamo riportati sulla rotta giusta, qui tutto in discesa sempre su strada dissestata da MTB siamo arrivati ad una strada bianca che ci porta lungo il torrente Chiecina a Chiesina Vallicella, prendiamo a sinistra per l’Eremo d’ Agliati.

Un compagno ci dice che il freno Posteriore non funzionava piu’ e faceva rumore, guardando da vicino abbiamo visto il Disco del freno con soltanto un Bullone di serraggio rimasto al suo posto, gli altri 5 persi per strada, mmmmmmm adesso cosa facciamo ? Ci facciamo venire a prendere ?, spingiamo la bici fino a Palaia ? ,  ci viene l’idea di svitare meta viti sul disco del freno della ruota anteriore e metterle sul disco  della ruota posteriore, funziona !  3 viti davanti 3 viti dietro, continuiamo tra mille attenzioni e controllandone il serraggio ogni tanto, tutto ok, il viaggio prosegue.

l’Eremo non è stato troppo apprezzato !.

Visitina veloce al centro di Palaia e proseguio del tour, intanto qua e la’ si vedono Calanchi  con la strada che si snoda sul crinale di essi direzione Toiano, dove prima di arrivare al vecchio borgo ci fermiamo al punto panoramico per eccellenza a meravigliarsi di tanta bellezza naturale, si arriva al centro storico abbandonato o quasi di Toiano, qui i fotografi ci vanno a nozze ! Il borgo fu abbandonato a meta’ del XX secolo, il borgo è conosciuto anche per l’omicidio della bella Elvira.

Da qui si scende nella valle a tutto gas nella strada bianca fino al torrente Garfalo, per poi risalire direzione altra meta altrettanto interessante, il borgo di Castelfalfi, di origini Etrusche, con il suo bel Castello e il Resort di tutto rispetto.

Riprendiamo il viaggio verso San Vivaldo dove l’unico Ristorante presente ci Cucina ottimi primi alla cacciagione, visitiamo il complesso Religioso di notevole interesse e con le sue Cappelle del Sacro Monte.

Il tour prosegue con un po’ di fuoristrada fino a riprendere la via Cerroni che ci porta alla localita Sughera da qui le strade bianche si fanno piu dissestate quasi da MTB fino ad arrivare a Corazzano passando da Poggio Cassette, all’arrivo non contenti dei km fatti e l’ora non tarda, decidiamo di allungare il giro  visto che un biker diceva di conoscere la zona essendoci stato a piedi.

Pedala pedala per una bella salita, poi la strada si fa piu pianeggiante e in lontananza si vede San Miniato, forse si è sbagliato qualcosa, si ritorna indietro per un po’ e giriamo a destra, questa volta è quella giusta, con qualche sali e scendi impegnativo arriviamo alla Pieve di San Giovanni Battista illuminata dal sole del tramonto.

Il nostro viaggio era arrivato al termine felici.

ByFranco
Livelli di difficoltà Bici da StradaO O O O O
Livelli di difficoltà MTBO O O O O
Bicicletta ConsigliataMTB, E-MTB
Km 66
Dislivello +1370

Selezionare Dettagli per scaricare il file GPX

Dettagli
Traccia Palaia San Vivaldo
?
Esporta
Maggiori dettagli

FOTO TOUR

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.